Home/Articoli/CONFAGRICOLTURA.IT – Lunedì 11 giugno appuntamento con l’Erbaluce Day

CONFAGRICOLTURA.IT – Lunedì 11 giugno appuntamento con l’Erbaluce Day

Aumenta la superficie vitata della provincia di Torino, che raggiunge quota 500 ettari a denominazione d’origine (1.008 ettari in totale, su 42.284 del Piemonte), con il vitigno Erbaluce di Caluso rappresenta quasi la metà del vigneto torinese. La vendemmia 2017, benché magra, ha un potenziale di quasi 1,2 milioni di bottiglie della docg Erbaluce di Caluso nelle tre tipologie bianco fermo, spumante e passito.

La fotografia dei vini DOP torinesi è stata presentata stamani da Confagricoltura Torino, che ha illustrato i dati ufficiali delle denominazioni locali, soffermandosi in particolare sull’Erbaluce, a cui dedica ogni anno una giornata di assaggi e approfondimenti. A fare il punto della situazione, insieme al direttore di ConfagriTorino Ercole Zuccaro, il neo presidente dell’organizzazione professionale agricola Tommaso Visca, eletto due giorni fa e al suo primo incontro con i media, il vicepresidente del Consorzio Caluso Carema Canavese e neo presidente della Strada Reale dei Vini Torinesi Alessandro Comotto, e il presidente del Consorzio di tutela Vini doc Pinerolese Luca Trombotto, da pochi mesi alla guida dell’ente. E’ intervenuto anche il presidente dell’Enoteca Regionale di Caluso, Gian Luigi Orsolani, eletto due giorni fa vicepresidente di Confagricoltura Torino insieme a Riccardo Ferrero e Guido Oitana.

Il mosaico delle vigne dop torinesi comprende 242 ettari coltivati a Erbaluce, 110 rientranti nella doc Canavese, 77 per il Freisa di Chieri, 30 per la doc Pinerolese, 16 per la doc Collina Torinese, oltre 15 per il Carema e poco più di 9 per la doc Valsusa. “Per l’Erbaluce di Caluso, unica docg della provincia di Torino – ha affermato Zuccaro – ci sono segnali importanti dal mercato: benché si tratti di una piccola denominazione, che a livello economico vale circa 10 milioni di euro (valore allo scaffale), i produttori hanno elevato molto la qualità del prodotto, conquistando importanti riconoscimenti da parte delle guide specializzate. Possiamo affermare che l’Erbaluce di Caluso è uscito dalla nicchia e oggi rappresenta uno dei vini bianchi più interessanti nel panorama nazionale delle docg”.

“Si tratta ora di fare un ulteriore sforzo e promuovere non solo il vino – ha aggiunto Alessandro Comotto – ma anche il Canavese, che annovera bellezze architettoniche e naturalistiche di pregio. Da questo punto di vista invitiamo gli altri enti a lavorare in squadra, mettendo insieme le forze per fare sistema, non disperdere le risorse e valorizzare al meglio le potenzialità del territorio”.

“Per quanto riguarda la doc Pinerolese, che rappresenta appena il 6% della viticoltura torinese, – ha spiegato Luca Trombotto – stiamo ragionando con le altre aziende per avviare una strategia condivisa con l’obiettivo di rafforzare l’identità dei nostri vini e farli crescere sul mercato”.
Lunedì 11 giugno a Palazzo Birago, sede istituzionale della Camera di commercio di Torino, si terrà l’Erbaluce Day nell’ambito del programma Bocuse d’Or Off. Dalle 18,30 alle 22 assaggi di Erbaluce di Caluso fermo e spumante in abbinamento ai piatti della cucina canavesana. L’appuntamento, aperto al pubblico, è organizzato da Confagricoltura Torino in collaborazione con il Consorzio Caluso Carema Canavese, il Consorzio Operatori Turistici Valli del Canavese e i Ristoranti della Tradizione Canavesana.

ARTICOLO SU CONFAGRICOLTURA.IT >

By | 2018-07-02T00:36:34+00:00 martedì 5 June 2018|Categories: Articoli|0 Commenti