Home/Articoli/Otto capannine meteo nei vigneti dell’Erbaluce

Otto capannine meteo nei vigneti dell’Erbaluce

CALUSO. Otto capannine meteo tra i 150 ettari di vigneti canavesani coltivati ad Erbaluce per raccogliere dati puntuali, sulle previsioni del tempo: temperatura, umidità relativa, precipitazioni,…

CALUSO. Otto capannine meteo tra i 150 ettari di vigneti canavesani coltivati ad Erbaluce per raccogliere dati puntuali, sulle previsioni del tempo: temperatura, umidità relativa, precipitazioni, bagnatura, punto di rugiada. Dati indispensabili per prevenire lo sviluppo delle principali malattie che colpiscono la vite. Va nella direzione dell’innovazione scientifica il progetto messo in moto dal Consorzio di tutela dei vini docg di Caluso, Canavese e Carema, presentato nella mattinata di ieri, martedì 26, nell’enoteca regionale. «Tutta l’area viticola canavesana sarà monitorata: – spiega Ivo Actis Dana, presidente della cantina della Serra, che ha curato il progetto – i dati raccolti dalle capannine verranno analizzati e rielaborati per poter effettuare delle previsioni legate allo sviluppo delle principali malattie funginee della vite (peronospora, oidio, botrite e black-rot) e avere un ulteriore supporto nelle decisioni del tecnico di campo per l’esecuzione dei trattamenti. Ciascuna capannina copre uno specifico settore (circa 3 kmq), ma comunica con tutte le altre. La rilevazione avviene ogni 5 minuti e la trasmissione una volta l’ora. In più ciascun viticoltore può accedere ai dati relativi alle proprie vigne, sia tramite pc che dal cellulare scaricando l’apposita app. Il progetto, ad oggi, è previsto su 4 anni e con un investimento totale di circa 30.000 euro. L’adesione da parte dei consorziati è attualmente del 60%.

«Crediamo fortemente in questo progetto – ha sottolineato Caterina Andorno, presidente del Consorzio – che permette di agire in modo tempestivo, mirato ed efficace sulla reale problematica rilevata. Il che si traduce in una migliore gestione dei trattamenti, che vanno a diminuire, permettendo all’azienda di ampliare le azioni legate all’impiego del sistema di lotta biologica». (l.m.)

 

 

 

ARTICOLO DI “LA SENTINELLA DEL CANAVESE” >

By | 2018-07-01T23:35:17+00:00 mercoledì 27 June 2018|Categories: Articoli|0 Commenti