CANTINE CROSIO

Home/Le cantine/CANTINE CROSIO
CANTINE CROSIO 2017-10-08T07:29:12+00:00

indirizzo: Strada Statale 26 per Ivrea – Candia Canavese (TO)
tel.: 339-8636004
fax: n.d.
persona di riferimento: Roberto Crosio
email: info@cantinecrosio.it
sito: www.cantinecrosio.it

ettari vitati: 6 Ha
vini prodotti:
Erbaluce di Caluso DOCG “Primavigna”
Erbaluce di Caluso DOCG “Costaparadiso”
Canavese Barbera DOC “Goccianera”
Canavese Nebbiolo DOC “Gemini”
Erbaluce di Caluso Metodo Classico DOCG “Incanto”
Caluso Passito DOCG “Eva d’Or”

La mia avventura inizia nel 2000, nel territorio di Caluso, zona storicamente nota per l’Erbaluce.
Da sempre ho avuto un forte legame con la viticoltura e la terra, la mia terra. Un vigneto, regalo dei miei genitori, è stato il punto di partenza per produrre vini che valorizzassero sia il nobile vitigno a bacca bianca sia il territorio, investendo, in controtendenza rispetto ad altre realtà, tempo e risorse anche sui vitigni a bacca rossa meno conosciuti ma da sempre presenti in Canavese.
Una filosofia che nasce dal desiderio di dare un’anima ai miei vini: un’anima composta dal vitigno, dal territorio, dal clima e dallo stesso vignaiolo.

Lavoro molto in vigna, rispettando le piante e la terra: intervengo solo quando è necessario lasciando che la natura faccia il suo corso, senza forzature. Accompagno semplicemente un processo naturale che si perde nella notte dei tempi. Per me produrre vino è un fatto culturale, di mantenimento e continuo ricordo della tradizione. Oltre all’Erbaluce ho voluto rendere merito alla mia terra con Barbera, Nebbiolo e altre varietà tipiche del Canavese, che in passato era conosciuto principalmente per i vitigni a bacca rossa oggi forse sottovalutati e un po’ dimenticati.

L’Erbaluce è sicuramente il vitigno più importante della mia produzione. Due versioni ferme, uno spumante e il passito, simbolo della tradizione canavesana. A queste bottiglie, tipiche espressioni del territorio calusiese, affianco una Barbera e un Nebbiolo che con le altre tipologie a bacca rossa, tipiche del territorio canavesano, raccontano una storia che altrimenti si perderebbe.